AREA STAMPA

Piero Santonastaso

DIpartimento Comunicazione

Tel./Phone:
(+39) 3456712454

Fax:
(+39) 06 54070448

e-mail:
areastampa@usb.it

Roma, via dell'Aeroporto 129

USB non sciopera con...

Nazionale -

...CGIL CISL e UIL. Da bravi opportunisti quali sono, hanno indetto lo sciopero di Province e Città Metropolitane. Dopo ben 4 anni di letargo e di accordi firmati con governo ed enti territoriali, improvvisamente fingono di schierarsi dalla parte dei lavoratori. E' evidente che si tratta di un'operazione di facciata e di propaganda, non va dimenticato infatti che in questi anni le loro posizioni erano a favore dell’abolizione degli enti di area vasta.
USB non sciopera con chi prende in giro i lavoratori, con chi cambia posizione a seconda della convenienza e con chi sciopera solo perché siamo alla vigilia delle elezioni RSU;
USB non sciopera con chi condivideva, nel 2011, la lettera che Trichet spedì al governo italiano, in cui si invitava il nostro paese a realizzare la riforma del Titolo V della Costituzione con l’eliminazione delle province;
USB non sciopera con chi, nel 2013, ha sottoscritto un accordo con Confindustria, in cui si prevedeva espressamente l’eliminazione delle province;
USB non sciopera con chi ha sostanzialmente condiviso la legge Del Rio del 2014, con la sottoscrizione di accordi (protocolli d’intesa), con governo e regioni, per la gestione del personale e dei relativi trasferimenti anche di funzioni e risorse;
USB non sciopera con chi si è schierato per il SÌ al referendum del 4 dicembre 2016 per l’eliminazione delle province;
USB in tutti questi anni si è battuta per il mantenimento di province e città metropolitane, proclamando il primo sciopero nazionale a dicembre 2013 e schierandosi apertamente per il NO al referendum di dicembre 2016. Per noi coerenza e rispetto dei lavoratori sono valori inalienabili, riteniamo che lo sciopero sia uno strumento serio, che non va utilizzato per fini propagandistici o per convenienze sindacali.
Invitiamo tutti i lavoratori degli enti di area vasta ad abbandonare queste organizzazioni sindacali, e a sostenere tutte le iniziative che USB sta predisponendo per il rilancio di province e città metropolitane, compreso lo sciopero generale che abbiamo indetto per il 10 novembre 2017 insieme ad altri sindacati di base.
 


USB P.I.
Esecutivo Nazionale Funzioni Locali